Utensileria e ferramenta

Guida all’acquisto per i migliori rivestimenti in resina epossidica

Il rivestimento in resina epossidica è forse meglio conosciuto come alternativa alla vernice tradizionale. Sigilla e protegge tutti i tipi di materiali, inclusi legno, pietra, ceramica, cemento e altro. È anche più indulgente e più durevole della vernice una volta asciutta (cura).

La resina epossidica può essere utilizzata anche per la fusione di qualsiasi cosa, dai gioielli a interi piani di lavoro. Può incapsulare piccoli oggetti, può essere macchiato e può anche essere utilizzato per creare effetti decorativi unici. C’è un elemento creativo oltre che protettivo quando si tratta di rivestimenti in resina epossidica.

Ci sono molti prodotti diversi tra cui scegliere e molti di loro suonano molto simili, quindi può essere complicato scegliere quello giusto per un particolare lavoro. Abbiamo studiato le proprietà di ciascuno e ne abbiamo consigliati diversi che mostrano la varietà di soluzioni disponibili. Abbiamo anche messo insieme la seguente guida all’acquisto, che esamina gli aspetti importanti in modo più dettagliato.

Le resine epossidiche funzionano bene su molte superfici diverse, ma normalmente non si attaccano a materiali impermeabili come il silicone e la maggior parte delle plastiche.

Considerazioni chiave

Come funziona un rivestimento in resina epossidica

Un rivestimento in resina epossidica è un prodotto in due parti: una resina e un indurente. In questo caso, la resina è fondamentalmente un polimero sintetico trasparente (un tipo di plastica). Rimane liquido fino a quando non viene miscelato con l’indurente, quindi polimerizza a temperatura dell’aria fino a quando non si solidifica.

Il tempo di polimerizzazione varia. Alcuni tipi richiedono un minimo di 24 ore, ma molti richiedono diversi giorni. Il risultato è una finitura profonda, brillante, spesso cristallina che può essere molto dura. A seconda del prodotto, potrebbe anche offrire una buona resistenza al calore, ai graffi e persino al taglio.

Se stai applicando una finitura protettiva, potresti aver bisogno solo di una singola applicazione, anche se pezzi più artistici e più spessi potrebbero richiedere numerosi strati sottili di resina epossidica.

Scegliere il giusto rivestimento in resina epossidica

Può essere difficile decidere quale prodotto è giusto per il tuo progetto. Le caratteristiche individuali possono essere molto simili. Sono tutti molto duri quando vengono curati. Affermano tutti di offrire una finitura simile al vetro. Quasi tutti dichiarano di essere autolivellanti (per evitare segni di pennello o altri strumenti). Molti stanno degassando, il che significa che espellono eventuali bolle d’aria che potrebbero lasciare macchie sulla superficie. Quanto è vero questo varia da un prodotto all’altro e dovresti aspettarti di fare almeno un po ‘di lavoro. Quasi tutti includono inibitori dell’ultravioletto per prevenire l’ingiallimento.

Mentre fai acquisti, cerca le cose che distinguono un prodotto da un altro.

  • Qualità: Questo è un fattore importante, ma può essere difficile giudicare a meno che non ti sia stata data una raccomandazione. Se ci sono molte recensioni dei clienti, dozzine o centinaia anziché poche, può essere utile.
  • Preparazione: Questo di solito è abbastanza semplice fintanto che si misurano attentamente le quantità, anche se l’applicazione varia. I principianti potrebbero voler cercare quei prodotti che hanno la reputazione di essere più facili da usare.
  • Copertura: Questo è importante, quindi sai quanto rivestimento in resina epossidica ti serve. I produttori di solito ti dicono il numero di piedi quadrati che un contenitore coprirà a un dato spessore. Sappi solo che potresti dover fare un po ‘di matematica!
  • Tempo di lavoro: Questo potrebbe essere un problema. Se hai una superficie ampia da coprire, hai bisogno di tempo per appianarla e rimuovere eventuali bolle d’aria prima che inizi a indurirsi. Di solito ottieni circa 30 minuti, ma per alcuni prodotti può essere necessaria fino a un’ora.
  • Sicurezza: Cerca un prodotto con zero composti organici volatili (COV), che sono pericolosi per il sistema respiratorio e nervoso, i reni e il fegato.

Caratteristiche del rivestimento in resina epossidica

Colore

Vale la pena controllare per vedere se il rivestimento in resina epossidica è effettivamente chiaro per cominciare. Alcuni hanno una tinta gialla.

Se vuoi tingere la tua resina epossidica, sia dandole un colore traslucido o solido, devi conoscere i pigmenti disponibili e quanto sono efficaci con un particolare prodotto. Rimanere con la stessa marca dovrebbe garantire la compatibilità.

Quantità

Le dimensioni della confezione possono essere leggermente fuorvianti. Un kit da un gallone non ti dà un gallone di resina e un gallone di indurente. Fornisce un totale di un gallone di rivestimento pronto per l’uso. Mentre la maggior parte dei mix sono uno a uno, alcuni sono tre a uno.

Genere

C’è una differenza tra le resine da colata, quelle destinate a progetti artigianali in cui si accumulano spessori considerevoli, e quelle che spesso vengono chiamate resine epossidiche “da tavolo”, quelle intese come finitura protettiva. Esistono alcuni prodotti ibridi che possono essere utilizzati per entrambi, anche se la profondità di lancio sarà spesso limitata. I buoni produttori chiariscono per cosa dovrebbe essere utilizzato il loro prodotto, ma è importante leggere e comprendere la descrizione prima dell’acquisto.

Nota: Non confondere il rivestimento in resina poliestere con resina epossidica. Il primo non offre né la protezione né la durata.

Accessori

  • Torcia butano: JB Chef Culinary Butane Torch

Sebbene alcune persone utilizzino una pistola termica (o anche un asciugacapelli), i professionisti ci dicono che il modo più efficiente per eliminare le bolle nel rivestimento in resina epossidica è con una torcia al butano. Brucia anche la polvere superficiale, migliorando ulteriormente la finitura (ed è abbastanza buono anche per la crema catalana!)

  • Pennello in schiuma: Pennello in schiuma Royal Brush

I normali pennelli possono lasciare segni e far cadere dei peli nella resina che rovineranno il tuo lavoro. Una spazzola in schiuma è un’alternativa economica che non causa questi problemi. Questo set di pennelli da 1, 2 e 3 pollici si adatta a tutti i tipi di progetti.

  • Misurini: Misurini in plastica trasparente NSI

Una miscelazione accurata è fondamentale per una finitura in resina epossidica di alta qualità. Questi bicchieri di plastica da 8 once sono lavabili in lavastoviglie e pratici per una varietà di attività domestiche. Ottieni anche 20 a un prezzo basso.

Prezzi dei rivestimenti in resina epossidica

Economico: Sebbene sia generalmente più economico acquistare quantità maggiori, puoi trovare contenitori da 16 e 32 once tra € 20 e € 60.

Fascia media: Ci sono alcuni kit da 2 galloni a poco più di € 100, che rappresenta un grande valore (circa € 50 per gallone), anche se il tuo esborso è ovviamente maggiore.

Costoso: La maggior parte delle resine epossidiche dei principali produttori costa da € 80 a € 100 al gallone e proporzionalmente se ne acquisti di più.

Non mettere resina o indurente non polimerizzati nella spazzatura. Versalo su carta, lascialo asciugare, quindi smaltiscilo normalmente. Non bruciare la resina epossidica di scarto; può rilasciare sostanze chimiche pericolose.

Suggerimenti per l’applicazione di rivestimenti in resina epossidica

È fondamentale seguire le istruzioni del produttore. Alcuni hanno anche video utili per aiutarti. Ecco alcuni suggerimenti generali.

  • Preparati bene. La polvere e lo sporco sono i nemici di una finitura simile al vetro, quindi assicurati che l’ambiente in cui lavori sia il più pulito possibile. Non utilizzare la resina subito dopo la levigatura. Aspirare e poi lasciare il negozio durante la notte in modo che eventuali particelle sospese nell’aria possano depositarsi.
  • Proteggi altre superfici. La carta cerata è eccellente per proteggere le aree su cui non stai lavorando.
  • Controlla la temperatura. Verificare l’intervallo di temperatura suggerito dal produttore. Lavorare al di fuori di questo intervallo influirà sul flusso e sui tempi di polimerizzazione.
  • Applicare la resina fino allo spessore massimo. Non essere tentato di superare lo spessore massimo indicato.
  • Incolla piccoli oggetti. Se stai racchiudendo piccoli oggetti, assicurati che siano correttamente incollati. In caso contrario, potrebbero iniziare a galleggiare nel liquido.
  • Non utilizzare una pistola a spruzzo. A meno che tu non sia un professionista esperto, non utilizzare una pistola a spruzzo per applicare la resina. La resina epossidica è molto difficile da pulire e potrebbe rovinare il meccanismo.

Varie cose possono essere utilizzate per colorare la resina epossidica, incluso il colorante alimentare, ma alcuni prodotti compromettono la miscela resina / indurente, quindi è necessario controllare attentamente. Diversi produttori offrono pigmenti in polvere e coloranti liquidi specificamente progettati per lavorare con la resina epossidica.

FAQ

D. I rivestimenti in resina epossidica sono tossici?
UN. Dipende dal produttore. I prodotti artigianali progettati per l’uso domestico potrebbero non esserlo. Generalmente vedrai un commento come “certificato non tossico se usato come indicato”. Molti prodotti commerciali in forma liquida sono considerati “irritanti” e possono causare problemi respiratori da lievi a gravi (e potenzialmente asma) a seconda dell’esposizione. Si consiglia di indossare sempre una maschera per la respirazione, guanti per evitare il contatto con la pelle e occhiali protettivi per evitare schizzi. Molte di queste resine in forma liquida sono tossiche per la vita acquatica. Tuttavia, una volta induriti, vengono classificati come non pericolosi.

D. Cosa devo usare per pulire le brocche in seguito?
UN. Utilizzare sempre contenitori di plastica / polietilene, perché i due componenti non si attaccano facilmente. Indossa guanti in lattice o gomma. Pulisci il più possibile con carta da cucina, quindi usa acetone o alcol denaturato. Se lasci asciugare il prodotto, immergerlo in uno di questi solventi dovrebbe eventualmente scomporlo. Smaltire i prodotti per la pulizia in modo responsabile.

D. Qual è la durata di conservazione di un rivestimento in resina epossidica?
UN. Varia da prodotto a prodotto, ma puoi aspettarti almeno 18 mesi per alcuni tipi, un paio di anni o più per altri (la resina spesso dura più a lungo dell’indurente). Se sei preoccupato per il fatto che la vecchia resina epossidica sia ancora praticabile, mescola un piccolo lotto in un bicchiere di plastica e vedi se si polimerizza. La cosa che più probabilmente causa un problema è la contaminazione incrociata, il che significa che le parti superiori o gli stantuffi possono rimanere bloccati. A volte farli scorrere sotto l’acqua calda può aiutare a liberare le cose.

Vedi anche

Menu