Riscaldamento e climatizzazione

Migliori camini a bioetanolo: guida all’acquisto

I camini a bioetanolo (noti anche come camini a etanolo) stanno diventando sempre più popolari. Uno dei motivi principali sono i numerosi vantaggi offerti da questo tipo di riscaldamento, dalla portabilità al design alla sicurezza.

Il bioetanolo è un combustibile di origine vegetale, quindi è molto più ecologico dei combustibili fossili. In effetti, in molti casi è carbon neutral. Senza prodotti petrolchimici o altri derivati ​​di combustibili fossili, brucia anche senza fumi tossici o ceneri. Tutto ciò che emana è vapore acqueo e una piccola quantità di anidride carbonica. Ciò significa che non è necessaria una canna fumaria, un camino o un’altra forma di ventilazione per renderlo sicuro. Anche questi camini non necessitano di collegamenti elettrici. Molti sono facilmente trasportabili e possono essere utilizzati all’interno o all’esterno. L’ampia varietà di dimensioni e design aggiunge anche all’appello. C’è qualcosa per ogni casa e stile di arredamento.

Questo è un tipo di caminetto relativamente nuovo e spesso frainteso, quindi qui su CreHome abbiamo esaminato i vari modelli in modo da poterti aiutare a capire cosa sarebbe meglio per le tue esigenze. I nostri consigli sottolineano le scelte disponibili in termini di prezzo e prestazioni e la seguente guida all’acquisto approfondisce i dettagli.

L’etanolo è un liquido infiammabile, quindi i contenitori devono essere maneggiati con cura e conservati in un luogo sicuro. Cerca di evitare fuoriuscite e fai attenzione a non riempire troppo il caminetto.

Considerazioni chiave

Come funziona

I camini a etanolo sono in realtà un’idea abbastanza semplice. Un serbatoio del carburante (un serbatoio di acciaio nascosto nella base) contiene etanolo per circa due terzi. Il serbatoio è imballato con lana ceramica o fibra di vetro che funge da stoppino. Questo assorbe la maggior parte del combustibile e quindi aiuta a prevenire la fuoriuscita se il caminetto viene spostato, ma il suo compito principale è rallentare l’evaporazione in modo che la fiamma duri più a lungo. Né la ceramica né la fibra di vetro bruciano, quindi non dovrebbe essere necessario sostituirli, anche se potrebbero scolorirsi leggermente nel tempo. Alcuni produttori affermano che la lana in fibra di vetro offre un tempo di combustione più lungo rispetto ai modelli di lana ceramica comparabili, sebbene in termini pratici la differenza sembra minima. Il camino può essere acceso con un fiammifero, ma preferiamo un’opzione più sicura e suggeriamo un accendino più lungo come quello suggerito di seguito.

Design

Il design è una cosa molto personale ei produttori di caminetti a etanolo offrono qualcosa per quasi tutte le dimensioni della stanza e lo stile di casa. Probabilmente la caratteristica più grande che attira le persone verso un camino a etanolo è avere una vera fiamma. C’è qualcosa al riguardo che ci attrae ben oltre il calore che fornisce.

Indipendentemente da quale ti piace, ci sono alcune cose da tenere in considerazione, tra cui la configurazione del pannello, le dimensioni e il tempo di masterizzazione. Non dovrebbero esserci problemi a trovare un modello appropriato, ma è assolutamente fondamentale che tu indaghi per cosa è progettato ogni caminetto. Il semplice inserimento di un modello standard in una nicchia, ad esempio, potrebbe portare a un disastro.

Pannelli: Per proteggere le persone da ustioni accidentali, la fiamma è solitamente schermata da pannelli di vetro. Le dimensioni e lo stile di questi pannelli variano enormemente. Sui camini quadrati e rettangolari, di solito sono sul davanti e sul retro. I camini rotondi hanno un cilindro di vetro. Ciò lascia ancora la parte superiore del caminetto aperta, ma potresti voler montare il caminetto sul muro o in una nicchia o mettere qualcosa come una TV a schermo piatto sopra di esso.

Indipendentemente dalle dimensioni e dalla forma, i pannelli devono essere in vetro temperato o temperato. Non solo è molto più resistente agli urti, ma nel caso in cui si rompa, tiene insieme (se laminato) o si frantuma in piccoli grumi innocui piuttosto che pericolosi frammenti frastagliati.

Dentro fuori: Molti camini a etanolo sono progettati per essere utilizzati all’interno e all’esterno. La fiamma può essere abbastanza resistente in condizioni ventilate. Anche il design dei pannelli in vetro ha un impatto, con alcuni modelli che offrono una migliore protezione dal vento.

Taglia: I camini all’etanolo sono disponibili in una vasta gamma di dimensioni, dai modelli da tavolo facilmente trasportabili a quelli che si avvicinano a 6 piedi di lunghezza. Esistono anche modelli cocoon che scendono su una lunga asta fissata al soffitto. È importante controllare le dimensioni fisiche prima di ordinare perché le fotografie online possono essere fuorvianti.

Mentre i modelli di grandi dimensioni bruceranno quasi invariabilmente più a lungo di quelli piccoli, le dimensioni fisiche sono un indicatore debole di quanto tempo il caminetto rimarrà acceso. Devi controllare ed è meglio presumere che le cifre del produttore siano un po ‘ottimistiche. I modelli da tavolo piccoli potrebbero durare solo 30 minuti. All’altra estremità della scala, i modelli di fascia alta potrebbero funzionare per diverse ore o più.

Tieni presente anche la quantità di bioetanolo di cui avrai bisogno. Il secondo esempio che abbiamo appena citato richiede 15 litri (circa 4 galloni) per riempire. Il bioetanolo non è il carburante più economico, quindi anche questi costi devono essere presi in considerazione.

Bioetanolo

Il carburante a bioetanolo non è così ampiamente disponibile come molti vorrebbero, anche se sta diventando sempre più popolare. In alcune zone, può essere trovato nei negozi di ferramenta locali e la maggior parte dei principali rivenditori lo rifornisce. Se ciò non è conveniente, non dovresti avere problemi a ottenere forniture da fonti online.

Alcuni proprietari di caminetti a etanolo usano alcol denaturato (alcol non adatto al consumo umano) perché di solito è più economico. Tuttavia, la composizione di questo prodotto varia. Può contenere chetoni, che hanno sollevato alcuni problemi di salute, e / o nafta, che è un derivato di idrocarburi dalla produzione di petrolio e gas e quindi non molto rispettoso dell’ambiente. È improbabile che i fumi siano pericolosi, ma potrebbero essere sgradevoli in uno spazio ristretto. Il nostro consiglio sarebbe di attenersi al bioetanolo come previsto dal produttore del caminetto.

La potenza termica effettiva viene solitamente fornita in unità termiche britanniche (Btu). Abbiamo coperto l’applicazione pratica di questa figura di seguito, dove guardiamo a scegliere il caminetto a etanolo giusto per le dimensioni della tua stanza.

I gas pericolosi come il monossido di carbonio vengono rilasciati solo a temperature superiori a 1.300 ° F. I camini a etanolo bruciano a circa 750 ° F.

Accessorio

Accendifuoco: accendino VEHHE
Tieni le mani a una distanza di sicurezza dalle fiamme libere con questo versatile accendino a collo lungo. Il design antivento utilizza una scintilla elettrica per prestazioni impeccabili e si ricarica tramite qualsiasi comoda porta USB. Un indicatore della batteria ti dice quando si sta scaricando, anche se dovresti ottenere cento o più utilizzi per carica.

Altri tipi di fuoco a gas possono produrre più calore dell’etanolo ma devono avere una canna fumaria o uno sfiato per essere utilizzati in sicurezza all’interno, così tanto di quel calore viene perso. Con un caminetto a bioetanolo, tutto il calore rimane nella stanza.

Prezzi dei camini a bioetanolo

Economico: I camini a etanolo più economici sono piccoli modelli da tavolo usati come pezzi di accento piuttosto che fonti di calore. Questi iniziano a € 40 per € 50. Se estendi il tuo budget a € 100, puoi trovare una scelta molto più ampia.

Fascia media: Fra € 100 e € 400 puoi trovare modelli da tavolo di alta qualità, camini a etanolo indipendenti e unità a parete. Molte persone alla ricerca di un elemento distintivo per una stanza e un buon calore aggiuntivo possono trovare ciò che stanno cercando in questa fascia.

Costoso: Grandi unità a parete e modelli freestanding possono essere facilmente posizionati sopra € 500 e alcuni superano € 1.000. Questi sono intesi non solo come elementi decorativi ma anche per produrre un notevole calore. Pagherai di più per i design sospesi, che vanno ovunque € 2.500 per € 7.000.

Il bioetanolo è una forma ecologica di alcol prodotta da patate, barbabietole e mais, ed è a emissioni zero quando viene prodotta da rifiuti alimentari che altrimenti andrebbero in discarica.

Suggerimenti

Come abbiamo visto, i camini a bioetanolo possono essere utilizzati praticamente ovunque, sia come unità portatile che come installazione permanente. Tuttavia, ciò non significa che dovresti usare solo caminetti di qualsiasi dimensione in stanze di qualsiasi dimensione. Una vera fiamma ha bisogno di ossigeno per bruciare. Se la stanza è troppo piccola, il camino sarà privo di ossigeno e la combustione sarà scarsa, riducendo la resa termica. Può anche rendere la stanza soffocante e scomoda per te.

Esiste una dimensione massima consigliata – quantità di potenza termica – per un dato spazio. Alcuni produttori lo rendono facile dicendoti, ad esempio, che il loro camino è adatto a una stanza di 300 piedi quadrati, ma la maggior parte non lo fa. Fortunatamente, è facile risolverlo.

  • Misura la tua stanza. Innanzitutto, hai bisogno delle dimensioni della tua stanza (lunghezza, larghezza e altezza). Moltiplica queste cifre insieme per ottenere i piedi cubi della tua stanza.
  • Calcola l’output massimo suggerito. L’output consigliato da un camino a etanolo è di 500 Btu per 100 piedi cubi di spazio. Se dividi l’area della tua stanza per 100 e la moltiplichi per 500, otterrai l’output massimo suggerito. O semplicemente moltiplicare le dimensioni della stanza per 5. Ad esempio, una stanza di 12 x 15 x 9 piedi ha 1.620 piedi cubi. Moltiplicalo per 5 e otterrai 8.100. Il caminetto a etanolo ideale per quella stanza ha una potenza di 8.100 Btu. Un paio di centinaia in entrambi i casi non è un problema, ma è meglio sbagliare sul lato basso.

I pannelli di vetro aiutano a proteggere le persone e gli animali domestici dalla vera fiamma di un caminetto a bioetanolo, ma il vetro stesso può diventare molto caldo, quindi dovresti evitare di toccarlo.

FAQ

D. I camini a etanolo sono sicuri?
UN. Assolutamente. A differenza della combustione di propano e butano, la combustione dell’etanolo non emette monossido di carbonio pericoloso, solo vapore acqueo e una quantità trascurabile di anidride carbonica. Possono essere emesse altre sostanze chimiche, ma nessuna in quantità tale da causare danni a persone o animali domestici. Ci sono due note di cautela: in primo luogo, il carburante è molto importante. Brucia il bioetanolo solo da una fonte attendibile. In secondo luogo, si consiglia di tenere i materiali infiammabili ad almeno 3 piedi di distanza dal caminetto.

D. Un caminetto a bioetanolo a parete riscalda la mia stanza?
UN. È una domanda difficile a cui rispondere perché ci sono così tante variabili. I camini a bioetanolo sono più efficienti di molte alternative perché il calore non viene perso attraverso una canna fumaria o un camino. Detto questo, l’etanolo non brucia caldo come il propano o il legno. Alcuni modelli danno la metratura che riscalderanno e molti acquirenti sono molto contenti del calore prodotto. Se vivi in ​​una parte fredda del paese, è probabilmente meglio guardare un caminetto a etanolo come una fonte attraente di calore supplementare piuttosto che l’unica fonte di calore a meno che tu non acquisti uno dei modelli più grandi e abbia un budget di un paio di mille dollari.

Vedi anche

Menu